PONTE GHIOTTO, SI PARTE!

Energie Rinnovabili

Si apre un nuovo cantiere e inizia un’altra storia: un cammino ricco di tradizioni e innovazione.

L’azienda agricola Ponte Ghiotto di Modena alleva mucche per la produzione del Parmigiano Reggiano. Ha deciso di ampliare le sue stalle e lo hanno fatto in un modo decisamente stimolante; opere come queste rappresentano una grande sfida nella continua ricerca del risultato migliore al minor impatto ambientale.


Il progetto, infatti, ha molti punti interessanti di sostenibilità e benessere animale:


I reflui zootecnici dell’allevamento permetteranno l’alimentazione di un impianto a biogas, che sorgerà proprio accanto all’azienda, capace di produrre 200 Kw elettrici e primo esemplare della città di Modena.

 

FOTO TESTO ponte ghiotto ampliamento stalla


La stabilizzazione del terreno che accoglierà le fondamenta verrà effettuata con la tecnica detta “terra e calce”: una pratica ecologica che sfrutta in modo ottimale l’argilla presente in sito, per una pratica sul campo (si può ben dire!) dell’utilizzo delle risorse a Km 0.


Le stalle verranno sviluppate in lunghezza, per garantire l’accesso al cibo contemporaneamente a tutta la mandria. È risaputo che tra le mucche si creino amicizie e gerarchie che tendono ad isolare i capi più deboli e a dare la precedenza a quelli più forti, i quali tendono a cibarsi prima, di più e meglio. In queste stalle ogni capo avrà a disposizione nove metri quadrati (contro i 6-7 consueti), greppie ampie e numerose, la possibilità di stabulazione libera e l’acqua di abbeveraggio riscaldata a 20 C˚ durante l’inverno.


Il tetto sarà in legno, con isolamento in lana di roccia, molto più naturale e salubre del classico poliuretano. Il colmo raggiungerà i nove metri d’altezza, per una vivibilità ottimale del bestiame durante i mesi più caldi. Il sistema di raffrescamento consisterà in ventole parimenti direzionate che simuleranno l’azione della brezza estiva, grazie allo scambio di aria calda e fresca.

 

FOTO TESTO parmigiano reggiano modena


Verrà predisposto un impianto di fitodepurazione delle acque grigie della sala mungitura, una tecnica di depurazione naturale che filtra l’acqua in vasche abitate da piante selezionate per lo scopo.


La siepe di recinzione dell’azienda comprenderà decine di differenti essenze autoctone, in un originale progetto del verde che, favorendo la biodiversità, creerà una piacevole e robusta schermatura dalla strada principale.


Siamo molto orgogliosi di poter partecipare alla realizzazione di opere che racchiudono tratti di tradizione, innovazione e sostenibilità ambientale. La bioedilizia e la bioarchitettura possono (e devono!) andare oltre l’originario concetto di casa ecologica, per allargarsi a modelli di pensiero e di progettazione, validi per tutti i tipi di costruzioni.

Ampliamento dell’azienda agricola Ponte Ghiotto

in corso

Ampliamento dell’azienda agricola Ponte Ghiotto

Energie Rinnovabili

L’azienda agricola Ponte Ghiotto ha la necessità, nel 2018, di ampliare le sue strutture aziendali. Nata nel 1978, l’azienda certificata NO OGM produce latte destinato al Parmigiano Reggiano ed è negli ultimi anni in crescita costante.

Scopri di più
PONTE GHIOTTO, SI PARTE!

PONTE GHIOTTO, SI PARTE!

Si apre un nuovo cantiere e inizia un’altra storia: un cammino ricco di tradizioni e innovazione.

Scopri di più
CRISI E STRATEGIE

CRISI E STRATEGIE

Riflessioni al tempo del Coronavirus. In momenti come questi, ci viene in mente la dichiarazione di Albert Einstein sulle situazioni di crisi e su come queste possono offrire la possibilità di un riscatto umano e scientifico.

Scopri di più

Vuoi conoscerci meglio?

Siamo a tua disposizione per parlare di progetti in bioedilizia e bioarchitettura. Iniziamo dalle tue aspettative e cerchiamo insieme le soluzioni migliori per costruire in modo sostenibile.

 

Contattaci